MARY CAPOLUONGO MADRE DI JOHN FANTE

La prosa di Fante è un paesaggio asciutto ma mai brullo, disseminato di ironica freschezza di agrumi ed elegiache rovine mediterranee. Potrebbe essere il realismo di Verga che sbarca sulle selvagge coste americane, piegando l’umorismo caustico ed educato di Groucho Marx al brusco e urticante racconto autodiegetico di un ragazzo munifico di talento creativo, che emerge dalla miniera di pene e miserie di una famiglia italoamericana della working class di inizio Novecento.

10.00

Categoria:

Dettagli

Pagine

74 pagine

Cover Design

Laurita Bruno

Publisher

Edizioni Hermaion

Language

Italiano

ISBN

9788894178869

Released

Luglio 2019

Conosci l'autore

Rosa Capoluongo

Rosa Capoluongo

Rosa Capoluongo, sposata con Rocco Cantore, madre di Italo, Raffaella, Marianna. Già docente di italiano e greco nel Liceo Quinto Orazio Flacco di Potenza, insegnamento che è stato la sua passione nonché un’educazione permanente, è attualmente dedita ai suoi interessi culturali, prevalentemente legati alla propria città, Potenza, e soprattutto ai suoi nipotini Rocco ed Elena cha hanno rinverdito il suo tempo.

Potrebbe essere il realismo di Verga che sbarca sulle selvagge coste americane, piegando l’umorismo caustico ed educato di Groucho Marx al brusco e urticante racconto autodiegetico di un ragazzo munifico di talento creativo, che emerge dalla miniera di pene e miserie di una famiglia italo americana della working class di inizio Novecento.
A questa epopea familiare Fante attinge per suppurare il dolore, plasmando la linfa energica della sua biografia ad Avatar della macchina da scrivere, sperando che ogni volta si ripeta il miracolo della fuliggine esistenziale trasformata in inchiostro vitale, eruzione di autocoscienza catartica ed emancipativa.