L’ECONOMIA DELLA SCIENZA EMPATICA

Si tratta di una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo di intendere la vita e i rapporti sociali nonché il mondo del lavoro partendo da due assiomi fondamentali:

1. La dignità della persona umana in quanto tale non può essere soppressa o compressa per gli interessi particolari di qualcuno o di molti;

2. Il lavoro è per l’uomo e non l’uomo per il lavoro

La caratteristica più importante è l’uguaglianza sostanziale delle persone, le quali a prescindere dal reddito e dal lavoro che svolgono, devono poter vivere come Persone Umane e avere tempo per le relazioni sociali nonché per la vita familiare.

10.00

800 disponibili

COD: 9788894506792 Categoria:

Dettagli

Pages

76 Pagine

Cover Design

Bartolomeo Telesca

Publisher

Edizioni Hermaion

Language

Italiano

ISBN

9788894506792

Released

Maggio 2021

Conosci l'autore

Donata Biscione

L’autrice nasce a Potenza nel 1966, all’età di 15 anni inizia a viaggiare per l’Europa venendo in contatto con culture e modi di vivere differenti.
A 23 anni si laurea in Economia e Commercio a Salerno e muove i suoi primi passi nel mondo lavorativo in Inghilterra prima ed in Belgio poi.
In quest’ultimo stato si innamora delle due città di Bruxelles (dove spera di poter tornare a vivere e lavorare) e di Bruges.
Rientrata in Italia fa esperienza nel campo dell’insegnamento e della P.A. e consegue il baccalaureato in Sacra Teologia presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – sezione San Tommaso – a Napoli, nonché la specializzazione in Bioetica presso l’Università Cattolica a Roma.
Da tutte queste esperienze sviluppa una visione della società del tutto particolare ed una propensione alla vita in una società multietnica che vede come un paesaggio a colori in cui ognuno esprime il suo essere e pensare, al tempo stesso si radica in lei una fortissima abitudine al rispetto delle norme e delle regole del vivere civile.
Attualmente vive e lavora nella città di Potenza ma il suo sogno è sempre quello di poter tornare a Bruxelles.

Il presente volume è il primo di una serie nei quali viene teorizzato un nuovo modello socio-economico basato non sull’accumulo della ricchezza monetaria ma sullo sviluppo della ricchezza di umanità.

In questo primo passo viene delineato il volto della nuova forma  di vivere sociale ed economico i cui diversi capisaldi troveranno approfondimento nei volumi che seguiranno.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione copernicana nel modo di intendere la vita e i rapporti sociali nonché il mondo del lavoro partendo da due assiomi fondamentali: 

1. La dignità della persona umana in quanto tale non può essere soppressa o compressa per gli interessi particolari di qualcuno o di molti;

2. Il lavoro è per l’uomo e non l’uomo per il lavoro  

La caratteristica più importante è l’uguaglianza sostanziale delle persone, le quali a prescindere dal reddito e dal lavoro che svolgono, devono poter vivere come Persone Umane e avere tempo per le relazioni sociali nonché per la vita familiare.

Queste due dimensioni devono essere ordinate e regolate dalla norma base che è il rispetto degli altri il cui metro è il rispetto di se stessi: ciò che non vuoi sia fatto a te non farlo ad altri